mercoledì 3 agosto 2016

Figli dello stesso fango




Canossa, 02 agosto 2016-08-02
Tempo: sereno
Temperatura: 30°
Lettura di bordo: Figli dello stesso fango
Autore: Daniele Amitrano
Casa Editrice: 13Lab
Giudizio: DA NON PERDERE!

Caro Diario,
eccomi qua con un nuovo viaggio da raccontarti.
Ho appena finito di leggere Figli dello stesso fango.
Lo sai, non amo molto i racconti in terza persona, ma Daniele e il suo italiano curato e impeccabile mi hanno catturata da subito.
Il nostro protagonista Andrea, è un giovane giornalista che decide di tornare al suo paese di origine dopo la prematura scomparsa di un suo vecchio amico alla ricerca della verità su quanto accaduto.

Dal suo rientro parte un tuffo nel passato al sapore di mare sapientemente condito di tutto ciò che ognuno di noi (chi più chi meno) ha vissuto  nell’adolescenza: le prime cotte, le prime esperienze in generale, i drammi famigliari, le incomprensioni, le scelte sbagliate, le cattive compagnie, la droga,  le scelte facili e quelle difficili. E in quei racconti ti ci ritrovi, mentre leggi di camminate sul lungo mare e festini in comitiva entri a far parte del gruppo.
Andrea ricorda e nel frattempo rincontra gli amici/fratelli di quella decisiva estate che senza volerlo veramente lo porteranno a scoprire l’ultima verità.
Non voglio svelare troppo perché Daniele regala un finale da urlo, che ti fa venir voglia di rileggere immediatamente il racconto per cercare di capire cosa ti è sfuggito, come mai non ci sei arrivato, perché non l’hai capito prima…
Sai cosa ti rimane? Oltre ad una nota nostalgica per il tempo andato? La voglia di parlarne, di confrontarti con chi lo ha già letto, perciò spero di averti incuriosito abbastanza da tuffarti immediatamente nella lettura per poi condividere con me  le tue impressioni.
A presto
Georgia

CONTATTA L'AUTORE : Daniele Amitrano
DOVE ACQUISTARE  : Figli dello stesso fango

1 commento:

  1. Veramente una recensione originale. Complimenti e buona lettura a tutti.

    RispondiElimina